Italian English French German Russian Spanish

Aspetti fiscali

Le imposte a carico del locatore:

1) IMPOSTA DI REGISTRO
L'imposta di registro è pari al 2% sul canone annuo di locazione, viene normalmente divisa a metà fra locatore e conduttore e va versata per ogni annualità del contratto.
Per i contratti 3+2 e per i contratti a studenti universitari fuori sede l'aliquota viene applicata sul 70% (anziché sul 100%) del canone annuo.

2) IRE
Il canone di locazione è un reddito imponibile ai fini IRE: infatti, in tutti i casi nei quali il canone di locazione è superiore alla rendita catastale dell'immobile (e questo si verifica quasi sempre!) questo viene assoggettato all'imposta sul reddito. In particolare il canone imponibile è calcolato sottraendo dal canone annuo percepito dal locatore la deduzione fiscale del 15% (o del 40,5% per i contratti 3+2 e per i contratti a studenti universitari fuori sede). Il canone imponibile così ottenuto viene aggiunto al reddito imponibile annuo del locatore e sulla somma viene applicata l'IRE, sulla base delle aliquote stabilite per l'anno in corso.

Aliquote IRE :
SCAGLIONI DI REDDITI IN EURO
ALIQUOTE IRE
redditi fino a 15 000 euro 23%
tra 15 001 e 28 000 euro 27%
tra 28 001 e 55 000 euro 38%
tra 55 001 e 75 000 euro 41%
oltre i 75 000 euro 43%


3) IMU
L'IMU è un'imposta comunale, calcolata applicando al valore catastale dell'immobile l'aliquota stabilita dal Comune di ubicazione (le aliquote variano in genere dal 4 al 7 mille). Molti Comuni stabiliscono riduzioni nelle aliquote per gli immobili concessi in locazione (rispetto a quelli lasciati sfitti) oltre che per quelli locati con contratti 3+2 o a studenti universitari fuori sede.

826